Chi Siamo   Animazione della Parrocchia   La nostra Chiesa   Storia della Parrocchia   Istituto Agosti   Scuola Materna   Contatti                             LOGIN

RITIRO CONSIGLIO PASTORALE_______________________

 

Incontro di discernimento sulla realtà della nostra Parrocchia, sulle domande che ci interpellano.                                 

 

 Sabato 2 giugno il Consiglio Pastorale ha vissuto un'intensa giornata di   preghiera, riflessione e condivisione presso la casa di spiritualità delle   Suore Giuseppine di Lentiai.

 Un gruppo affiatato e motivato di una quindicina di consiglieri ha lavorato   sulle prospettive future per i quattro ambiti in cui si articola la pastorale   parrocchiale: annuncio, celebrazione, carità e giovani.

 L'incontro si è aperto con la celebrazione delle lodi mattutine: l'ascolto   della parola di Dio, la riflessione personale e comunitaria, la preghiera   hanno consentito a tutti di aprire gli occhi del cuore e della mente alla situazione della parrocchia, ai suoi bisogni e alle sue aspettative, senza distogliere lo sguardo dalla strada che il Signore oggi ci invita a percorrere attraverso il discernimento della sua Parola e dei segni dei tempi.

Per ciascuno dei quattro ambiti lo schema di lavoro è stato lo stesso: la meditazione su una pagina del Magistero, la riflessione su quali siano i settori di intervento, a partire dall'esistente, dal molto o poco che si è fatto e che si fa, dai punti di forza e da quelli di debolezza, dalle risorse disponibili a quelle che si potranno e si dovranno suscitare in futuro.

La catechesi: molti gli aspetti positivi, come l'ambiente accogliente, l’interessante percorso formativo dei genitori con bimbi fino a 6 anni; l'atteggiamento che dovrà essere ulteriormente sviluppato saranno il dialogo con le persone, anche se a volte sembrano ostili e prevenute. Un'attenzione particolare dovrà essere riservata ai genitori e ai giovani, al loro protagonismo, sottolineando non solo la fatica, ma soprattutto la bellezza dell'impegno. Il secondo annuncio dovrà essere rivolto in maniera privilegiata alle persone in difficoltà, utilizzando con discernimento le energie presenti in parrocchia.

La liturgia: è uno degli ambiti dove molto di bello e di buono è stato fatto, dalla cura della chiesa, alla partecipazione dei chierichetti, dalla formazione dei lettori alla presenza dei ministri straordinari dell'Eucarestia. Due gli obiettivi che ci si è posti: ampliare la commissione liturgia con l'individuazione di un responsabile, definire e formare i referenti dei diversi ambiti (messe festive, lettori, cori e animazione dell'assemblea, chierichetti, ministri straordinari dell'Eucarestia), promuovendo alcune iniziative, quali la S. Messa per le famiglie, l'accoglienza dei fedeli alle celebrazioni liturgiche, la monizione iniziale.

La carità: ampio e articolato il novero delle attività, dei gruppi e delle associazioni attive in questo ambito che vengono incontro al numero sempre crescente dei bisogni e delle povertà, non solo materiali, che ci sono intorno a noi. E' necessario tuttavia che la carità non sia un settore separato dalla vita comunitaria e perciò delegato ad alcuni, ma deve diventare responsabilità di tutti, cifra che caratterizza la parrocchia in quanto chiesa, attenta e aperta ai bisogni dei fratelli. Compito della commissione sarà quello di conoscere tali bisogni e di coordinare le diverse forme di intervento onde non disperdere le energie presenti, che dovranno comunque essere rinnovate con un maggiore coinvolgimento dei giovani.

I giovani, vocazione particolare di una parrocchia salesiana; sempre più si dovrà passare da una pastorale per i giovani ad una pastorale che veda i giovani protagonisti, senza per questo abbandonarli a se stessi, ma curando costantemente la loro formazione, e in particolare quella degli animatori, a tutti i livelli. L'oratorio, preziosa realtà resa ancor più significativa dalla presenza costante di un sacerdote salesiano, dovrà diventare un luogo riconoscibile dai giovani come loro, uno spazio in cui possano anche esprimere la loro creatività. A tal fine è urgente riattivare il consiglio dell'oratorio, prevedendo, accanto alle figure “istituzionali”, anche dei genitori, per sottolineare ancora di più la corresponsabilità educativa di tutta la comunità parrocchiale. Particolarmente stimolante l'idea di un oratorio per progetti, che preveda attività musicali e teatrali, di formazione mirata per i giovani, di doposcuola per i più grandi secondo il modello dell'educazione tra pari. Dovranno infine essere rivisti gli orari, le modalità di una presenza adulta costante, la possibilità di una riapertura del bar dell'oratorio quale ulteriore punto di aggregazione.

Perché tutte queste indicazioni, questi obiettivi e questi progetti non rimangano solo una lista di buone intenzioni è necessario che nei prossimi mesi il consiglio pastorale continui il suo ruolo di stimolo e di indirizzo, favorendo la corresponsabilità a tutti i livelli della vita comunitaria.

                                                                                                                                                                                   Anddrea Basile

 

 

 

 

 


Belluno (BL) 32100
Piazza San Giovanni Bosco, 18
Tel. 0437 34.815